Baby gang scatenate nella Marca

Una pattuglia della Polizia di stato

Continuano le aggressioni da parte delle famigerate “baby gang “ nella Marca trevigiana. Nel giro di quasi un mese sono già diversi gli episodi avvenuti: tra questi, uno a Casale sul Sile e l’altro pochi giorni dopo nel capoluogo.

Nel primo pomeriggio del 12 marzo scorso in via Mazzini uno studente quindicenne del posto, poco dopo essere sceso dalla corriera della Mom, proveniente da Treviso, mentre stava rincasando, è stato preso alle spalle da due giovani con il volto travisato da bandana e cappuccio. Dopo averlo sgambettato e fatto cadere a terra, gli sono saltati addosso ordinandogli di consegnare loro i soldi. I due poi gli hanno perquisito le tasche trovando solo poche monetine. Poi, dopo avergli rifilato un pugno al volto e in pancia, gli hanno rotto gli occhiali, per poi scappare senza lasciare traccia.

Sei giorni dopo ecco la seconda aggressione, questa volta in via delle Absidi a Treviso.

Il fatto è avvenuto il 18 marzo, quando una coppia di bulli raggiunse un quattordicenne di Villorba vicino a una fermata dell’autobus che venne rapinato e picchiato da due bulli.

Entrambi i casi sono stati denunciati ai Carabinieri e in Questura dai genitori dei due minorenni.

L’ultima aggressione, in ordine di tempo, è quella tristemente nota avvenuta venerdì pomeriggio in vicolo Rialto a Treviso.

In quel caso l’aggressione a un cinquantenne, in città per una visita ai parenti, è scattata per un banale rimprovero di una donna che invitava due bulli a non impennare con la bici.

(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

Total
0
Shares
Articoli correlati