“Salviamo il campanile di Caonada”: in vendita fino al 7 marzo le uova pasquali a sostegno della campagna

Ha quasi 60 anni il campanile “nudo” di Caonada e ora necessita interventi per salvarlo dal logorio delle intemperie e del tempo.

Realizzata 58 anni fa, la torre campanaria della parrocchia di San Giacomo, a Caonada, è molto particolare nel suo genere, essendo stata costruita in cemento, senza pareti e tetto.

“Ormai i caonadesi – dice il parroco di Caonada (e Biadene) don Davide Frassetto – si sono affezionati alla loro torre campanaria ‘nuda’. Quando sono arrivato, nel 2019, mi avevano detto che rischiava di crollare. In realtà, ho fatto eseguire rilievi tecnici ed è risultato che la struttura è molto solida”.

“Certamente, con il tempo ed essendo priva di copertura, – prosegue il sacerdote – troviamo zone che necessitano di un intervento. Secondo i tecnici occorre intervenire con geolite e in alcune zone con materiali leggeri e resistenti come il teflon. Si diceva che le campane creassero vibrazioni pericolose per la struttura, invece, secondo i rilievi effettuati, la torre campanaria potrebbe sostenere campane ben più pesanti di quelle che ci sono. Tuttavia, l’intervento prevede anche un consolidamento, precauzionale, della torre campanaria“.

“Lo Spisal – conclude – ha inoltre rilevato che occorre aggiungere una fila di sbarre alle protezioni della scala che sale fino alla cima. Il pericolo è la carbonazione, cioè le crepe da dove entra aria, ossigeno e acqua. Occorre riparare le crepe perché non si rischi che la situazione peggiori”.

Per ristrutturare il campanile servono parecchi soldi (si parla di oltre 100mila euro) e per il finanziamento la comunità ha pensato a diverse forme di sottoscrizione, persino attraverso la vendita di uova di Pasqua.

La mobilitazione è massiccia e, attraverso un volantino diffuso nella frazione di Montebelluna, è partita una campagna per sostenere il restauro del campanile, prenotando uova di Pasqua di cioccolato entro il 7 marzo.

Si tratta di uova da 200 e 300 grammi, del costo rispettivamente di 6 e 7 euro.

Si possono prenotare, entro il 7 marzo, attraverso il canale Telegram ‘ParrocchieBiadene&Caonada’, scrivendo un messaggio su Whatsapp a Federica (3471347398), Vanessa (3474899159) e Gabriella (3480301735), oppure possono essere prenotate in chiesa al termine delle messe del sabato e della domenica sera dai volontari presenti alla porta lato della canonica.

La distribuzione delle uova avverrà domenica 21 marzo in Oratorio.

(Fonte: Flavio Giuliano © Qdpnews.it).
(Foto: Qdpnews.it © riproduzione riservata).
#Qdpnews.it

Articoli correlati