È morto a 56 anni Gianpietro Zanette, di Vallonto. Manutentore alla Maeg, era rientrato dall’estero per una malattia

Gianpietro Zanette, 56 anni, di Vallonto di Fontanelle è morto venerdì all’ospedale di Treviso. Operaio manutentore nello stabilimento di Codognè della Maeg, era al lavoro fino a mercoledì, e, avvertendo malessere, è rincasato in anticipo a metà pomeriggio. Poi, febbre e ricovero.

Gianpietro Zanette aveva lavorato all’estero, come carpentiere in Belgio. La scoperta di una grave malattia lo aveva riportato in Italia per curarsi e due anni fa è stato assunto in Maeg, dove lavorava nello stesso stabilimento dei figli Riccardo e Davide.

Avrebbe terminato il ciclo di chemio nel prossimo mese di agosto. Stava superando il male, tanto da essere indicato dai medici come un vero guerriero. “Il rientro in Italia – racconta chi in fabbrica stava fianco a fianco con Gianpietro, – la possibilità di curarsi e il lavoro gli avevano dato un evidente coraggio, lui avvertiva di aver avuto una seconda chance. Era consapevole di avercela fatta. Invece, il malessere di mercoledì pomeriggio era l’avanguardia di un virus killer della polmonite che ne ha provocato l’improvviso decesso”.

Gianpietro lascia la moglie Vania, i figli Riccardo e Davide, la mamma Pierina e il papà Lino, i nipoti Greta e Liam, la nuora Francesca e le sorelle Emilia e Rosa Maria. 

(Foto: per concessione della famiglia).
#Qdpnews.it

Total
1
Shares
Articoli correlati