“Non è festa senza lavoro”, flash mob di Fdi in piazza Dall’Armi a Montebelluna per il Primo Maggio

Si è tenuto ieri, sabato primo maggio a Montebelluna, un flas mob sul tema del lavoro, ideato dal coordinatore regionale di Fratelli d’Italia, il senatore Luca De Carlo, e dall’assessore regionale al lavoro Elena Donazzan, dal titolo “Non è festa senza lavoro”.

“L’evento si è tenuto rispettando il distanziamento e l’uso delle mascherine” sottolineano gli organizzatori.

Al flash mob hanno partecipato in qualità di organizzatori del coordinatore provinciale Giuseppe Montuori, l’assessore di Montebelluna e vicecoordinatore Provinciale di Fdi, Claudio Borgia, il consigliere comunale e capogruppo di Montebelluna Lucrezia Favaro e il consigliere regionale Tommaso Razzolini.

Un tricolore lungo più di 20 metri è stato srotolato nella piazza centrale della città di Montebelluna.

“Oggi nella splendida piazza Dall’Armi di Montebelluna – ha detto Claudio Borgia – in uno dei distretti economici più importanti del nord est, abbiamo voluto denunciare la crisi occupazionale che sta colpendo la nostra Nazione e che allo scadere del blocco dei licenziamenti emergerà con ancora più forza”.

“La Costituzione recita che l’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro – ha aggiunto la capogruppo di Fdi di Montebelluna, Lucrezia Favaro – ma oggi per troppe categorie il lavoro non c’è. Finché tutte le attività non potranno riaprire e i lavoratori ritornare al proprio posto di lavoro, il primo maggio non ci potrà essere festeggiato”.

“Abbiamo voluto anche ribadire – spiegano Tommaso Razzolini e Giuseppe Montuori – come sia necessario accelerare sulle riaperture, in sicurezza e nel rispetto delle misure anti-contagio e soprattutto eliminare il coprifuoco. La gente chiede di poter lavorare: una richiesta che Fratelli d’Italia sostiene fin dall’inizio della pandemia al fianco delle categorie dimenticate dal Governo”.

“Noi di Fratelli d’Italia – conclude Borgia – ancora una volta, ci schieriamo al fianco delle categorie e dei lavoratori dimenticati da questo governo. Disoccupazione, lavoratori che ancora attendono la cassa integrazione, ristori inconsistenti e settori come turismo, spettacolo e sport al collasso sono i fallimenti targati Pd-M5S-Leu-Italia viva che governano ininterrottamente da prima dell’inizio della pandemia. Oggi, purtroppo, non c’è proprio niente da festeggiare perché il lavoro è diventato una chimera”.

(Foto: Claudio Borgia).
#Qdpnews.it

Articoli correlati